Adler Bluefin Pigmosoft

La rivoluzione Adler Bluefin Pigmosoft.

Sia la resa estetica che la performance funzionale di un prodotto verniciante sono aspetti che non sempre viaggiano di pari passo, anzi spesso divergono verso direzioni diametralmente opposte: ciò che si presenta bello alla vista e/o al tatto potrebbe essere non completamente funzionale se considerato nel suo contesto di utilizzo, così come ciò che si presenta molto funzionale e pratico, potrebbe non essere esteticamente gradevole.
Questo è un conflitto che in un Paese come il nostro, culla del design e del bello, è ancora più sentito.
Per questo motivo ADLER ha deciso di provare a far coesistere entrambi gli aspetti, sviluppando il prodotto BLUEFIN PIGMOSOFT. A giudicare dai riscontri di mercato, sembra proprio esserci riuscita.

COS’E’ ADLER BLUEFIN PIGMOSOFT?

È una finitura laccata per mobili da interno in base acqua bicomponente con una capacità unica: l’autorigenerazione.
È vero, l’obiettivo di qualsiasi produttore di vernice è quello di riuscire a formulare un prodotto che sia immune da qualsiasi tipo di danneggiamento; è certo un obiettivo ma, mantenendoci realisti, l’assoluta invulnerabilità di un film di vernice è quasi un’utopia.
Ben diverso e assai più fattibile è invece l’obiettivo di formulare un prodotto verniciante e quindi un film asciutto di vernice che sia molto resistente in rapporto alla sua destinazione d’uso.
ADLER ha voluto comunque risolvere questo dilemma, guardandolo da un differente punto di vista: abbiamo già in gamma molti prodotti che donano un’ottima resistenza chimica e meccanica al manufatto a cui vengono applicati. Perché allora non pensare ad un prodotto che, seppur già molto molto resistente in origine, sia in grado di “autoriparare” i segni lucidi che la vita di ogni giorno potrebbe creare?
Ed ancora, perché tenere in considerazione proprio i “segni lucidi”?
Ebbene, valutando le tendenze di mercato relative all’estetica dei mobili e di tutto l’arredo da interno in genere, ci siamo resi conto ormai da tempo che la tendenza è sempre più nella direzione delle verniciature “materiche”, profondamente opache, non riflettenti e, nel campo dei trasparenti, di quelle verniciature che forniscano protezione al manufatto in legno senza che ci si accorga del processo di verniciatura che è stato eseguito.
Nell’ambito delle laccature, a parte il colore totalmente coprente, cardine di questo tipo di trattamento verniciante, la tendenza all’opaco è comunque confermata.
Per ragioni chimiche però, più le superfici sono opache e maggiore è la tendenza a lucidarsi a cui queste vanno incontro. In altri termini l’utilizzo del manufatto genera usura e questa, a sua volta, crea zone in cui l’opacità risulterà disuniforme e di conseguenza criticabile. Ecco allora come lo sviluppo di un prodotto verniciante resistente, ma con il valore aggiunto della capacità di ripararsi, nel caso in cui il danno da segno lucido sia un’eventualità comunque realistica, costituisca la risposta di ADLER all’esigenza di superfici funzionalmente molto valide.

E cosa ne è stato dell’estetica?

Nessuna paura, ADLER BLUEFIN PIGMOSOFT possiede anche qualità estetiche visive e tattili del tutto particolari. Un riscontro tattile morbido, setoso ed estremamente gradevole, unito ad un grado di opacità assolutamente basso e soprattutto uniforme, ne fanno uno dei prodotti più innovativi attualmente presenti in gamma.
Tutto questo senza mai trascurare l’estrema semplicità di applicazione; non sono richieste particolari attrezzature o particolari malizie applicative. Sarà solo necessario avere attrezzature in ordine. Il resto verrà naturale grazie al suo elevatissimo potere di distensione.
Provare per credere!

Vedi tutti i Block Notes su Professione Verniciatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.