Guanti

Giù le mani da quei pannelli!

Indagine sulle schivature dei pannelli

Franco Bulian – Catas

IL DIFETTO
Recentemente abbiamo indagato un difetto di verniciatura che riguardava l’evidenza di piccole irregolarità superficiali, simili a delle schivature, sulla superficie di alcuni pannelli.
Il caso non si presentava semplice, in quanto il difetto era quasi impercettibile, essendo visibile solo in determinate condizioni di illuminazione delle superfici.
Come spesso capita in questi casi, non c’era nemmeno l’evidenza di una regolarità nella sua comparsa, non potendo essere apparentemente associato né alle materie prime, né alle condizioni lavorative o ad altri fattori macroscopici.

L’INDAGINE IN LABORATORIO
Abbiamo così dato avvio alle indagini di laboratorio, impiegando tutte le tecniche a nostra disposizione, con osservazioni microscopiche e analisi chimiche di vario tipo (IR, GC-MS) direttamente sui campioni difettati.
Nessuna di queste tecniche ha avuto tuttavia successo e il caso rimaneva pertanto irrisolto, senza alcuna evidenza di un parametro oggettivo associabile a quanto lamentato.
Casi di questo tipo sono purtroppo abbastanza frequenti nel mondo della verniciatura e l’individuazione della loro origine tramite tecniche analitiche non ha quasi mai una risposta certa; le schivature sono infatti spesso conseguenti a lievissime contaminazioni delle superfici, da parte di sostanze quali le paraffine e soprattutto i siliconi, la cui origine può essere in realtà tra le più variegate.
A volte queste contaminazioni sono state addirittura associate a correnti d’aria che trasportavano i siliconi dall’esterno, magari da un capannone attiguo, dove si stavano impiegando sigillanti a base siliconica.
In altri casi il problema dei siliconi dipendeva da lavori di idraulica eseguiti invece all’interno dell’azienda, anche in zone relativamente distanti dal reparto di verniciatura.
Purtroppo questi casi sono difficilmente indagabili, anche perché le quantità di contaminanti in gioco sfuggono all’analisi chimica, seppur sofisticata, anche per effetto dell’interferenza di tutte le altre sostanze presenti nella formulazione di una vernice.

L’INDAGINE SUL CAMPO
Un’indagine “sul campo” può essere comunque utile e già in passato il Catas è stato in grado di risolvere qualcuno di questi casi, riscontrando, ad esempio, che alcuni operatori utilizzavano una crema per le mani a base siliconica e che poi maneggiavano i pannelli all’interno del reparto verniciatura.
Un discorso analogo ha riguardato un gel per i capelli, anch’esso contenente siliconi, evidentemente utilizzato da un dipendente all’interno di un’azienda mobiliera.
Anche in quest’ultimo caso abbiamo pertanto richiesto di visitare l’azienda in cui si erano manifestati i difetti e durante l’ispezione abbiamo avuto quindi modo di prelevare alcuni materiali “sospetti”. In particolare la nostra attenzione si è concentrata sui guanti utilizzati dagli addetti del reparto verniciatura, sui quali abbiamo condotto delle specifiche analisi.
Come evidenziato dallo spettro infrarosso riportato in figura 1, abbiamo verificato che i guanti prelevati sono in grado di rilasciare discrete quantità di paraffine sulle superfici con cui vengono a contatto rappresentando pertanto un potenziale rischio per il successivo ciclo di verniciatura.
Non possiamo dire con certezza se questa sia la vera causa del problema lamentato, ma riteniamo comunque che il rischio sia concreto e abbiamo pertanto immediatamente informato l’azienda di questo nostro risultato.

CONCLUSIONI
In conclusione, richiamando il titolo di questo articolo, abbiamo voluto raccontare quest’esperienza per rimarcare l’attenzione che giustamente si deve porre nel maneggiare i pannelli nell’ambito della verniciatura: le contaminazioni accidentali e i conseguenti difetti sono purtroppo sempre dietro l’angolo.

 

Fig. 1 – Lo spettro infrarosso dimostra che i guanti sono in grado di rilasciare discrete quantità di paraffine sulle superfici con cui vengono a contatto, rappresentando pertanto un potenziale rischio per il successivo ciclo di verniciatura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.